Emiliano Pasqualin (1963)

PRIMA DELL'INIZIO

Succede talvolta quanto sto per scrivere:
divento triste
pensando alle foche uccise dai bracconieri,
e divento triste
vedendo un uomo mangiare da solo
con lo sguardo in basso,
e divento triste
quando immagino che un giorno la foresta Amazzonica
sarÓ solo un deserto di ricordi,
e divento triste quando perdo tempo,
e divento triste
quando mi ricordo che l'infanzia è un negativo
che non si può sviluppare,
e divento triste guardando il mare in tempesta,
e divento triste
sapendo che in ogni uomo c'è tanto così per cambiare le cose
ma non viene fuori,
e divento triste
quando mi convinco che per brillare
bisogna essere per forza una stella.
Ma molto
e molto
e molto felice divento
quando, guardandomi, penso che ci sei.



menu