GIF - Home




Un anno di poesie - Settembre 2012

Ludovico Ariosto (1474-1533)


[Lasso, che bramo ancor…]

 
  Lasso, che bramo ancor, che più voglio io,
se nulla cosa da voler mi resta,
e son, senza disio, pien di disio?

  Amor mi tien pur sempre in gioia e 'n festa;
che brami adunque, disiosa voglia?
che nova cosa è quel che mi molesta?

  lo voglio, ma io non so quel ch'io mi voglia;
e volendo mi doglio; ah duro fato,
che senza alcun dolor sempre mi doglia!

  So pur ch'io son più lieto e più beato
di quanti amanti fur felici mai,
e sopra modo alla mia donna grato.

  So ch'ella m'ama e che m'ha caro assai,
e meco è d'una voglia e d'uno amore,
e possedo quel ben ch'io desiai.

  Ma nova voglia ancor resta nel core,
e senza mal provar, provo tormento
con certo non so che lieto dolore.

  E benché sia tra li altri il più contento,
più bramo ancor, bench'io noI sappia dire,
e così, più felice e discontento,

  s'altro bramar non so, bramo morire.
            
«« Formato stampabile

 

 

Precedente : poesia di Agosto

GIF - Home
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single