GIF - Home




Un anno di poesie - Settembre 2010

Marina CvetaevaTorquato Tasso (1544-1595)


[Amai vicino, or ardo, e le faville]

   
Amai vicino, or ardo, e le faville
porto nel seno onde s'infiamma il foco;
e non l'estingueria tempo né loco
ben ch'io cercassi mille parti e mille:

ché nel vago pensieri, luci tranquille,
più l'accendete e a voi di ciò cal poco,
e le mie piaghe ancor prendete a gioco
con quella bianca man che sola aprille.

Né lontananza oblio m'induce al core,
ne' più colti paesi o i più selvaggi,
ma tenace memoria e fero ardore:

perché v'adombro in lauri, in mirti e 'n faggi:
l'altre bellezze, ove m'insidia Amore,
sono imagini vostre e vostri raggi.
            
«« Formato stampabile
Precedente : poesia di Agosto

 

GIF - Home
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single