Un anno di poesie : Settembre 2009

Willinam Shakespeare (1564-1616)George Byron (1788-1824)


Ella in beltà incede

   
Ella in beltà incede, come la notte
	in climi sereni e stellati cieli,
e i pregi della luce e della tenebra
	nel suo sguardo si congiungono e nella figura:
così addolcita in quella luce tenera
	dal cielo negata al ridente giorno.

Un’ombra in più, in meno un raggio
	avrebbero forse alterato quella grazia
senza nome che fluttua in ogni ricciolo corvino,
	o leggiadra sul suo volto si rischiara;
là dove pensieri serenamente soavi esprimono
	come la loro dimora sia casta e cara.

E su quella guancia, e su quella fronte
	sì tenere, calme eppure eloquenti
i sorrisi che soggiogano, le sfumature ardenti,
	parlano solo di giorni ben vissuti,
di una mente in pace con il mondo basso,
	di un cuore in cui amore e innocente.

«« Formato stampabile
Precedente : poesia di Agosto

 

 

 

 

Home Page
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single