Un anno di poesie : Agosto 2009

Willinam Shakespeare (1564-1616)Paolo Rolli (1687-1765)


[D’UN VISETTO LUSINGHIER]

   
	D’un visetto lusinghier
gli occhi furbi quanto belli
con lusinga di piacer
m’hanno fatto innamorar.
	Comincia così per gioco,
non volevo più penare;
or m’avveggio che col foca
non bisogna mai scherzar.
	D’una candida beltà
l’occhio grande languidetto,
con dolcezza e maestà,
dà rispetto e spira amor;
	ma né in cento sguardi e cento
sa poi dir tant’altre cose,
quante dice in un momento
un occhietto rubacor.
	Pensa, Dafne, pur che un dì
mi risposero i tuoi sguardi,
che penare ognor così
non dovrei per troppo ardor:
	lungamente poi crudeli
obliaron la promessa;
ed or peggio che infedeli,
negheranno il fatto ancor.
	Non fidarti più di me
a restar così soletta,
brunettina, bada a te
ch’io mi voglio vendicar:
	con pericolo di vita
mi piagar le tue pupille;
e se tu non sei ferita,
io non posso risanar.

«« Formato stampabile
Precedente : poesia di Luglio

 

 

 

 

Home Page
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single