GIF - Home




12 poesie per un anno - Ottobre 2008

William Shakespeare (1569-1625)Sonetto di William Shakespeare (1569-1625)


No dalle stelle io traggo i miei pronostici

   
   Non dalle stelle io traggo i miei pronostici,
eppure penso che d’astronomia m’intendo;
ma non per dire la buona o la cattiva sorte,
o preannunciare peste o siccità o il volger delle stagioni;
     Né a breve scadenza posso io predire
a chiunque il tuono, la pioggia e il vento,
e se ai principi arrida la fortuna,
da frequenti presagi ch’io scopro in cielo.
     E’ dai tuoi occhi ch’io traggo la mia scienza,
stelle fisse in cui questa divinazione io leggo:
che verità e bellezza insieme prospereranno
se tu, da te stesso, trarrai progenie.
    Se no, di te questo devo pronosticare:
che Verità e Bellezza fatalmente moriranno con te.
Stampa la poesia«« Formato stampabile
Precedente : poesia di Ottobre

 

GIF - Home
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single