GIF - Home




12 poesie per un anno - Ottobre 2008

Giambattista Marino (1569-1625)Giambattista Marino (1569-1625)


Lontananza

   
 partito il mio bene,
ho perduto il mio core. Oim! Qual vita
in vita or mi sostiene?
Lasso! Com' rimaso
Fosco il sol, negro il cielo!
Il d di giunto a l'occaso,
Amor fatto  di gelo.
Duro partir, che mai l'alma partita, chi ti disse "partire"
Dovea con pi ragion dirti "morire"

Oh Dio! Quel dolce "a Dio"
Che piangendo mi disse, a cui piangendo
"a Dio" risposi anch'io,
deh! Come de la spoglia
l'anima non divise?
E come per gran doglia
La vita non uccise?
Alma e vita io non ho, poich, perdono
Il mio dolce conforto,
"a Dio" dirgli ho potuto e non son morto.

Morto non sono ed ardo
Lontan dal  foco mio, dal caro foco
Di quel celeste sguardo;
e quanto  men da presso
la fiamma ond'io languisco,
dal grave incendio oppresso
pi moro e 'ncenerisco.
Il foco, ahi no! Che, per cangiar il loco,
da me non si disgiunge;
sol la cagion del foco   da me lunge.
Stampa la poesia«« Formato stampabile
Precedente : poesia di Settembre

 

GIF - Home
Sfondi pc Eros Racconti Donne Depilate Desktop 50enni Mature Poesie Manga Belle Donne Single