Sfondi Erotici



incesto racconti porno incesto confessioni in dvd sesso di incesti

Incesto

Capitolo 1: Le vacanze di René - Parte I
Prologo

Sto tornando a casa da scuola con la mia mountain bike, bellissima, 21 rapporti, lucida, scintillante: la mia compagna di viaggio. Lungo i viali che portano a casa mia incontro gente amica, che mi saluta e mi sorride. I vicini e gli abitanti del mio quartiere mi trovano simpatico ed io sono felice di ricambiare la loro cordialità. Mi chiamo René, ho 18 anni appena compiuti e vivo a Parigi. Appartengo ad una famiglia ricca, che preferisce però dichiararsi solo "benestante". E’ una famiglia di impostazione patriarcale, anzi matriarcale, vista la prevalenza di figure femminili, ma tutte egualmente piacevoli, amorose e stupendamente positive. Ciascuno di noi, nell’ambito delle rispettive possibilità, dà un concreto sostegno a quelle che sono le esigenze familiari, prestando continua attenzione ai bisogni e ai desideri di ogni componente. Nella famiglia c’è quasi una corsa ad accontentare gli altri: in realtà apparentemente senza grandi sforzi, ma con una soddisfazione senza pari. Ognuno si sente appagato e felice dell’appartenenza al gruppo e di ciò che può dare a tutti gli altri. L’affetto che nutro per ciascuno dei miei familiari è profondo, sincero e penso sarà eterno. Ogni ricorrenza costituisce una nuova occasione per rinnovare l’affetto che tutti noi nutriamo per gli altri e che reciprocamente riceviamo. Il natale, per esempio, è una esplosione di festa: una montagna di regali viene accatastata sotto l’albero pieno di luci. Ognuno di noi ha un dono per tutti gli altri. In questo continuo scambio di manifestazioni di affetto vengono coinvolte anche le nostre due tate (che chiamo così perché mi farebbe inorridire il termine "cameriere", dato che Edith e Annette sono nate e vissute nella nostra famiglia, si comportano e sono considerate come tutti noi), alle quali tutti siamo affezionatissimi.

dvd sesso : incesto racconti porno incesto confessioni - storie di sesso e incesto

Premessa :
Questa premessa mi consente di introdurre la panoramica dei personaggi che compongono la famiglia, tutti dotati di grande personalità, di notevole cultura e, soprattutto, come dicevo, di un affetto smisurato per tutti gli altri membri.

Mia madre, Mireille, 41 anni, una donna affascinante, bruna con il nasino all’insù, due occhi verdi che pare ti scrutino nell’anima quando ti guarda, un sorriso sempre pronto ad increspare le sue labbra rosa pesca, un corpo sinceramente non da pin–up, ma rotondo e morbido, un seno tanto materno e sinceramente generoso. Laureata in architettura alla Sorbonne, dirige l’azienda di famiglia da quando mio nonno Andrè (suo padre) ha deciso di godersi la vita e di lasciare a lei gli oneri ed anche i proventi dell’atelièr che lui, famoso stilista, aveva creato e guidato. Un lavoro che a mamma piace moltissimo e che le permette di valorizzare l’istinto creativo del quale è dotata (che evidentemente ha ereditato da suo padre). E’ spesso fuori dalla Francia per presentare le nuove collezioni ed il successo che accompagna le sfilate la fa gongolare di gioia, una gioia che condivide con tutti noi (che spesso la accompagniamo). incesto anale Mio padre Julien, ingegnere, progetta ponti, strade, tutto quanto pare non sia facilmente realizzabile. Ha un suo ufficio, ma ama tanto la vita di casa e la compagnia dei familiari che ha attrezzato una delle molte stanze libere del nostro piccolo castello e lo ha reso il suo studio privato, nel quale si "rifugia" quando ha bisogno di concentrarsi per la realizzazione di un progetto. Egli ha 48 anni, capelli castani che stanno sempre al posto loro, pur essendo lunghi. Ha una vaga somiglianza con Robert Redford, ma io lo trovo molto più interessante, forse perché gli sono davvero affezionato.

Con i miei genitori il rapporto è idilliaco: non mi sgridano mai, ma penso che non ce ne sia affatto bisogno: io ritengo di essere diverso dai miei coetanei. Non ricordo che mi abbiano mai imposto nulla, ma i discorsi lunghi e profondi che abbiamo sempre avuto l’abitudine di scambiarci, sono stati l’insegnamento più grande che io abbia ricevuto. Loro dicono di non aver dovuto mai sforzarsi per educarmi e questo mi rende molto orgoglioso. In realtà, pur vivendo in una famiglia estremamente ricca, nessuno di noi figli è stato mai viziato: ciò che ciascuno di noi figli riceveva ha sempre avuto il senso di un corrispettivo per qualcosa che avevamo fatto o avevamo dato. Sin da piccoli ci veniva costantemente inculcato il senso del valore delle cose ed il principio che non si possa ricevere nulla che non sia stato guadagnato. Tutto questo sembra anacronistico in una famiglia che ha grandissime disponibilità economiche, ma col tempo si è rivelato altamente educativo.

Ho anche due sorelle, più grandi di me Virginie, 22 anni e Jacqueline, 20. Mia madre si è sposata giovanissima ed nel giro di pochi anni ha sfornato tre figli stupendi…

dvd incesto sorella Virginie è una splendida bionda, alta, occhi azzurri come mio padre, al quale rassomiglia molto, ovviamente al femminile, un viso franco e aperto, un carattere solare, un corpo da far trattenere il respiro al solo vederlo, seno alto e sodo, non delle stesse dimensioni di quello della mamma, ma altrettanto notevole, gambe lunghissime che lei mette in mostra con nonchalance, nella consapevolezza che chiunque le guardi comunque trattiene il respiro.

Jacqueline, invece, è la fotocopia della mamma, bruna, occhi verdi, più bassa di Virginie e più rotonda, con fianchi più generosi ed un seno enorme, tanto da provocarle un certo disagio. Infatti lei cerca sempre di nasconderlo, schiacciandolo come può, oppure osservando un portamento un po’ curvo e poco impettito.

Le mie sorelle sono le mie amiche più care. Tra di noi non ci sono segreti, al contrario di quanto accade in altre famiglie, nelle quali i ragazzi sembrano avere più confidenza con i propri compagni di scuola o con gli amici, piuttosto che con i fratelli. Certo capita anche che non abbiamo sempre le stesse idee e talvolta bisticciamo, ma non dimenticando mai il nostro grande affetto.

Ogni mattina, al risveglio, ci scambiamo un bacio, con la gioia di essere insieme ed evidentemente di appartenere a questa famiglia. Ci confidiamo ogni nostro pensiero, e dato che non siamo stati abituati ad avere riserve di alcun tipo, anche quelli che altri possono ritenere intimi o inconfessabili. Infatti non siamo abituati a mentire, nè tra di noi, ne con i nostri genitori. Proprio loro ci hanno insegnato a non avere inibizioni e a considerare senza morbosità anche la nostra sessualità, così, nelle nostre confidenze, spesso ci scambiamo impressioni sui rispettivi stati d’animo, di eccitazione, di frustrazioni e sulle nostre esperienze sentimentali e sessuali.

Ho quasi dimenticato di parlare della mia nonna materna; Sophie, una gran donna, di sanissimi principi, ma di grande modernità. Nonostante i suoi 62 anni ha un fisico da sportiva, fianchi stretti, gambe lunghe e un seno da trentenne.
I suoi sacrifici hanno consentito a mio nonno di divenire un grande stilista e di creare l’impero economico ereditato dalla mamma. Sempre in silenzio, dietro le quinte, ha saputo sempre consigliare, suggerire, creare strategie di mercato per l’atelier ed il successo dell’azienda è in gran parte merito suo. Un altro elemento che fa della nostra famiglia un gruppo matriarcale vincente.

Il nonno Andrè, invece, è la personificazione della ricerca della comodità nella vita: grande stilista, ha creato, come dicevo prima, una imponente realtà economica con il suo atèlier, conosciuto in tutto il mondo, ma è completamente distaccato dalle cose della vita, ha un rapporto con il denaro che definirei quasi di diffidenza. Il suo motto è: "posso privarmi del necessario, ma mai del superfluo". E’ di una bontà disarmante, ama alla follia la nonna e le sue figliole e sarebbe capace di qualsiasi sacrificio per loro.

Ma le figure più curiose e simpatiche sono le nostre zie Jeneviève e Juliette, zitelle convinte. Quando vogliamo prenderle in giro diciamo che nessuno le ha volute, ma sappiamo bene che sono sempre state esigentissime in campo sentimentale e che non sono riuscite a trovare persone che le amassero come loro si incesto dvd sessoaspettavano di essere amate. Jeneviéve è più grande di mia madre, ha 43 anni e nonostante si vesta in maniera molto casta, al di sotto degli abiti lunghi si intuisce un fisico davvero notevole. Alta bruna, con un seno grande e appuntito e tanto duro che se ti abbraccia ti fa male. Non dotata dello stesso spirito di iniziativa della mamma, collabora con lei nell’atelier. Il suo silenzio è la sua dote più grande. Lei pronuncia poche parole, ma estremamente positive. Una sua frase pronunciata a bassa voce, spesso è risolutiva di problemi che parrebbero insolubili prima del suo intervento.

Juliette, di tre anni più piccola della mamma, è l’esatto contrario della sorella maggiore. Estatica, biondina con splendidi occhi azzurri che sembravano due laghi di montagna, alta, longilinea e lievemente androgina, fianchi stretti, seno piccolo, atletica come la nonna. Non ha mai mostrato interesse per l’azienda di famiglia: ha frequentato l’università, anche lei la Sorbonne, ed ora è medico. Dotata di uno spirito di sacrificio non comune, si dedica ai propri pazienti con un’abnegazione del tutto singolare. Per loro è quasi una santa, che entra nelle loro case e vi porta sorriso, conforto e salute. Secondo me non si è mai sposata perché ha dedicato l’intera la vita alla sua professione ed ai suoi studi, sacrificando tutto il resto. Nel rapporto con i miei parenti è dolcissima, ma con me in particolare è affettuosa, protettiva. Le voglio un bene dell’anima.

Infine c’è zio Marcel, 30 anni, uno yuppi splendente nel viso e nell’aspetto. Non c’è donna che non sia attratta dal suo fascino. Fa l’agente teatrale e conosce tanta di quella gente dello spettacolo, che evita accuratamente di farci conoscere, perché sostiene che sono tutti degli alienati e che non potrebbero avere nulla in comune con la nostra famiglia.

Di Edith e Annette ne avevo parlato giusto all’inizio, perché rappresentano una parte molto importante della famiglia. Presenti e silenziose in ogni situazione, prontissime ed attente ad esaudire, ma non in maniera servile, ogni desiderio ed ogni esigenza di tutti, intelligenti e soprattutto affettuose. Edith è una donna straordinaria: la natura, che l’aveva molto penalizzata in altezza, in compenso le aveva regalato un seno da fare invidia alla Sophia Loren. Rammento che quando ero piccolo non mi addormentavo se mi cullavano, ma solo se appoggiavo la testa sulle sue tette, come dei cuscini dolcissimi e morbidissimi, che mi facevano dormire in pochi attimi.
Annette è spumeggiante, spiritosa, completamente disinibita. Penso che abbia una idea del sesso che non contempla alcun tipo di regola, ma abbia solo uno scopo: divertirsi al massimo. Magra e scattante, longilinea ma con discrete curve, ha una caratteristica particolare, un sederino tanto prominente che è impossibile ignorarlo.

Entra adesso nel nostro database porno dedicato agli incesti con store vere, confessioni d'incesti, dvd sesso video/film, immagini e tante foto inedite. – VAI!

incesto racconti : dvd porno incesto confessioni - storie di sesso e d'incesto

Capitolo 1 – Le mie prime esperienze

Come dicevo prima, ero stato educato all’approccio con la sessualità senza alcun senso morboso, e ad accettare con naturalezza tutte le nuove e ancora sconosciute manifestazioni che, a poco a poco, completavano la mia adolescenza. Ma ho iniziato solo da poco a conoscere la mia sessualità e praticamente all’improvviso. Un giorno, entrando nel bagno (la porta non era mai chiusa a chiave), vi trovai mia sorella Jacqueline immersa nella vasca, ovviamente nuda. Istintivamente mi ritrassi, ma indugiai ad osservare a lungo il suo corpo rotondo immerso nell’acqua, il seno già prosperoso e l’ombra di una peluria bruna già folta tra le sue gambe. Mia sorella, con calma e sorridendo mi chiese di lasciarle finire il bagno ed io uscii, sentendomi però avvampare in viso. Quella visione mi sconvolse per tutta la giornata. Avevo visto altre volte mia sorella nuda, ma in quella occasione fu come se l’avessi vista per la prima volta. Chiudendo gli occhi avevo dinanzi il corpo stupendo di Jacqueline, che poi non ebbi il coraggio di guardare in viso durante tutta la giornata. Era come un’ossessione. Quella notte feci un sogno stupendo: stavo abbracciando Jacqueline, nuda, ed ero nudo anch’io. Ad un tratto una sensazione meravigliosa, mai provata, mi pervase tutto il corpo, sembrava non dover finire mai, era come un fiume che attraversava le mie gambe, il mio stomaco e mi riempiva con la sua dolcezza. Ondate di calore mi attraversavano il corpo e fluivano oltre me. Continuai a dormire, ma il mattino successivo, quando mia madre venne a svegliarmi, mentre sollevava il lenzuolo, si accorse che, all’altezza del mio inguine, era fradicio. Io ero ancora più sorpreso di lei, ma soprattutto ero imbarazzato, perché credevo che mi fosse scappata la pipì durante la notte. Ma il liquido del quale era impregnato il lenzuolo era cremoso e aveva un lontano odore di candeggina. Mia madre passò la sua mano sul lenzuolo, come se volesse spargere quel liquido cremoso tra la mano e le lenzuola, lo annusò e poi mi sorrise dolcemente, dicendomi: "René, amore mio, sei diventato uomo !".
Io ero ancora più sorpreso. Non perché temessi reazioni da parte della mamma, che non mi sgridava mai, ma perché non riuscivo a capire il nesso tra il diventare uomo e il bagnare le lenzuola. Mia madre, amorevolmente, allora mi spiegò:
"Sai, René ? Ti ho già spiegato come nascono i bambini. E’ un atto di grande amore tra il papà e la mamma, che viene compiuto quando il papà mette dentro la mamma il suo seme. In questo modo siamo nati tutti noi, così sei nato tu e sono nate le tue sorelle. Ora quello che tu vedi qui sul lenzuolo è proprio tuo seme che è uscito da te. Si chiama sperma e serve a fecondare l’ovulo che noi donne abbiamo dentro di noi. Dall’unione dello sperma con l’ovulo nasce una nuova vita"
Io ero ancora incredulo: "Ma mamma", le chiesi "non dovevo far nascere nessun bambino, perché mai ho fatto uscire questo seme ?"
"Ma no, bambino mio" rispose la mamma, "il seme non esce soltanto quando vogliamo far nascere un bambino, ma ci sono molte situazioni nella vita nelle quali viene fuori indipendentemente dalle nostre intenzioni, proprio come nel tuo caso. Ti spiego meglio: ci sarà stato qualcosa che avrà stimolato la tua fantasia e durante la notte il tuo seme è uscito fuori. Questa si chiama eiaculazione, nel tuo caso è stata spontanea".

Ascoltando le parole di mia madre ero arrossito al ricordo del bellissimo sogno che avevo fatto e lo confessai: "Mamma, stanotte ho avuto una sensazione bellissima, te la voglio raccontare; ho sognato di abbracciare Jacqueline, eravamo tutti e due nudi e ad un tratto mi sono sentito scorrere nella pancia un fiume dolcissimo e questa sensazione di piacere è durata tantissimo: è stato meraviglioso".
"Ho capito tutto, tesoro", rispose comprensiva mia madre, "devi sapere che le prime esperienze sessuali i ragazzi e le ragazze le fanno in famiglia; in genere spiano i genitori, i fratelli spiano le sorelle e viceversa, ma non è male, purchè tutto rimanga in questi limiti. Mi spiego meglio, ci sono cose che si possono fare tra fidanzati, tra marito e moglie ma non tra fratelli e sorelle e fra genitori e figli".
Io ero ancora più imbarazzato e le confessai: "Mamma, ieri mattina avevo visto Jacqueline che faceva il bagno, dvd incesto nella doccia nuda nella vasca ed è stato molto bello".
"Capisco", rispose mia madre. "Non è sbagliato che tu l’abbia guardata, ma sarebbe sbagliato spingersi oltre, anche nei pensieri. Però non preoccuparti, quando comincerai ad innamorarti ti accorgerai che è molto più bello rivolgere questi pensieri alle ragazzine piuttosto che alle persone della tua famiglia".
A quel punto io le chiesi: "Mamma, come posso fare a riprovare una sensazione bellissima come quella di questa notte?".
Mia madre sospirò, indecisa. "Ascoltami, è ancora presto per pensare a queste cose. Posso dirti che ci sono dei modi per provocare queste emozioni, ma per ogni cosa c’è un suo periodo, non affrettare i tempi e vedrai che andrà tutto bene e proverai ancora delle sensazioni bellissime come quella di questa notte".

Rassicurato dalle parole di mia madre mi alzai intenzionato a non pensarci più. Ma non per molto: andai a svegliare le mie sorelle e quasi affannosamente cercai di spiegare loro che cosa mi era accaduto.
"Virginie, Jacqueline, sapeste che cosa mi è accaduto! Ascoltate, sono diventato uomo!" Le mie sorelle, un po’ celiandomi ed un po’ seriamente incuriosite dapprima mi prendevano in giro. Virginie mi chiedeva: "Davvero sei diventato uomo ? Ma prima cos’eri, una donna, forse?"
"Ma dai, smettila" insistevo io, "ascoltate cosa mi è successo. Ti ricordi Jac ? " dissi rivolgendomi a Jacqueline "quando sono entrato in bagno e ti ho vista nuda nella vasca?" "Cosa c’è di strano? Non è la prima volta che mi vedi nuda e penso di non avere nulla di strano o di nuovo" rispose mia sorella.
"Sì, ti avevo vista altre volte" proseguii "ma questa è stata diversa; è stato come se avessi visto per la prima volta o come se avessi visto qualcosa di diverso. In ogni caso mi è piaciuto molto. Tanto che stanotte ti ho sognata".
"Tu hai sognato me ?" domandò Jacqueline.
"Certo, ti ho sognata e ti ho sognata così come ti avevo vista in bagno: eri nuda ed io ti abbracciavo".
"Che ci abbracciavamo posso capirlo" continuò Jacqueline "ci vogliamo bene o no? E poi, lo facciamo sempre! Ma non capisco perché avrei dovuto essere nuda: per abbracciarti meglio?"
"Il perché non lo so" replicai "ma posso assicurarti che quel sogno mi ha procurato una delle sensazioni più belle che abbia mai provato in tutta la vita. Ed insieme a questo piacere mi ha provocato una cosa che non conoscevo, ma che la mamma ha chiamato una eiaculazione spontanea".
"Ma dai" incalzò Virginie "tutto questo per dirci che ti sei fatto una sega per aver visto Jac nuda nel bagno. Ma chi vuoi prendere in giro !"
Mentre Virginie parlava, quasi divertita, Jacqueline era silenziosa, come assorta in alcuni suoi pensieri. Avevo notato che era leggermente arrossita.
"Ragazze" continuai io "vi assicuro che è stata una cosa che non avevo previsto e che non ho affatto provocato, ma qualsiasi cosa sia vi assicuro che è stato bellissimo e che sarei felice che anche voi la provaste".
Il rossore di Jaqueline era aumentato. La mamma ci chiamava a fare colazione e quindi scendemmo tutti in sala da pranzo, dove ci aspettava tutta la famiglia riunita, genitori, nonni, zie e tate. Tranne zio Marcel, il quale era in tournèe in Italia con un gruppo rock che aveva lanciato e che stava riscuotendo un notevole successo.

Ci avventammo sui croissant e non ci pensai più, ma solo per quel giorno.
Da quel momento in poi scoprii che era molto interessante spiare le donne di casa, in ogni situazione. Come per incanto, mi accorsi che le tate salivano sulle scale a libro per spolverare i lampadari ed allora io mi precipitavo sotto la scala. Naturalmente per reggerla… Era fantastico, mi lasciavano fare, mi ringraziavano per il pensiero gentile che io avevo nei loro riguardi reggendo loro la scala: nessuno di loro dubitava che le scrutavo fin nelle mutande. Annette portava delle autoreggenti bianche, Edith non portava calze. Poi avevo preso l’abitudine di entrare in tutti i bagni, anche quando non ne avevo affatto bisogno: sapevo che una volta o l’altra avrei trovato qualcuno che, dimenticando di chiudere a chiave la porta, mi avrebbe dato la possibilità di ammirare qualche spettacolo notevole.
Insomma, ero diventato un erotomane.

Conoscevo a memoria praticamente i corpi di tutte le donne della famiglia, mamma e nonna comprese e devo ammettere che paragonate a quei corpi da sballo che si vendono in televisione, nessuna delle donne di casa aveva nulla da invidiare alle veline…
Mia madre, era inevitabile, si accorse di questa mia "predisposizione". Prima ne parlò con me e quando si accorse, dalle mie risposte, che io non avevo alcuna intenzione di smetterla, anche perché non la ritenevo una cosa riprovevole, ne parlò con mio padre, il quale, affrontando il discorso, mi disse: "Sai René ? Anch’io avevo la tua abitudine da piccolo. Impazzivo quando vedevo i corpi di mia madre e delle mie sorelle, poi ho conosciuto la tua mamma e, finalmente, sono impazzito per lei… e lo sono ancora! Non darti pena, neanche per i rimbrotti della mamma, ti passerà quando sarai innamorato".

Questa specie di lasciapassare da parte di mio padre mi tranquillizzò ulteriormente e quindi, anche se con maggior discrezione, continuai nella mia azione di "spionaggio", che ormai era talmente famosa in casa che nessuno ci faceva più caso. Con il tempo (e con i consigli dei compagni di scuola) avevo imparato che il piacere spontaneo provato quella notte famosa poteva essere "indotto": avevo quindi imparato a farmi le seghe. E quindi non perdevo occasione per "esercitarmi": vedevo la mamma che si cambiava e correvo subito in bagno a masturbarmi, entravo in bagno mentre la nonna era seduta sul bidet, idem…

Ma la svolta definitiva alla mia sessualità si verificò un pomeriggio di aprile. La persona che si divertiva tantissimo ad eccitarmi era Annette. Totalmente disinibita, non perdeva occasione per lasciarsi guardare. A proposito della scala, che lei usava moltissimo, per spolverare tutti gli oggetti posti in alto, era lei che veniva a chiamarmi:
"Renè, ti prego, vorresti reggermi la scala ? Ho paura che scivoli mentre ci sono sopra. Sii buono".
Io ero già volenteroso, ma quelle richiesta mi facevano precipitare in suo soccorso. Quel famoso pomeriggio Annette mi chiamò, come sempre, per farmi reggere la scala, cominciò a salire e mi accorsi che … NON AVEVA GLI SLIP!!! Il cuore mi salì in gola, il respiro ebbe una pausa e un gonfiore improvviso mi riempì i pantaloni. Annette mi stava mostrando il suo famoso culetto rotondo e prominente e dal basso avevo la visione meravigliosa di una peluria bionda che le ombrava la zona tra le cosce. Cominciai a sudare, mentre il incesto orale dvd sesso pisello mi scoppiava nei pantaloni. Annette si sporgeva per spolverare non so cosa con il suo piumino e così facendo mi offriva prospettive sempre diverse della sua parte inferiore. Teneva una gamba appoggiata all’esterno della scala, come per equilibrarsi meglio e così potetti godere una visione del suo sesso aperto, del buchino del suo culetto tondo. Uno sballo. Appena scesa mi guardò con aria maliziosa, mi si strofinò contro e mi fece una carezza sul viso. Le ricambiai il sorriso e corsi nel bagno attiguo alla mia cameretta. Avevo il pisello in fiamme. La punta era così bagnata che mi aveva inondato gli slip. Li avevo appena abbassati per spararmi una sega iperbolica, che entrò Annette.
"E bravo il signorino. Fa le sue cose da solo. E la piccola Annette che cosa ha fatto di male per essere esclusa da questa festa?". Appena pronunciate questa parole, la "piccola Annette" chiuse a chiave la porta e si sbarazzò della vestaglietta da lavoro. Era completamente nuda. Aveva un corpo rotondo, pieno di curve, il culetto alto, sodo e sporgente, il seno pieno e alto che lei esibiva con orgoglio, i capezzoli bruni turgidi e prominenti. Ora vedevo da un’altra prospettiva la peluria che lei mi avevo concesso di guardare dal di sotto. Era bellissima.

"Allora? Ci facciamo le seghe da solo, signorino? Lo sai che è sbagliato? Bisogna sempre essere aiutati da qualcuno, in questo lavoro. Proprio come per la scala !"
Detto questo, senza lasciarmi replicare, si inginocchiò davanti a me e prese in mano il mio arnese, che ormai era gonfio a dismisura. Dalla punta colava un filo di liquido trasparente: Lei allungò la lingua e raccolse in bocca tutto quel liquido che scendeva; poi facendomi scendere la pelle mi scoprì tutta la punta, rossa e lucida di liquido trasparente.
"Mmmm, quanto mi piace" diceva Annette e intanto girava con la lingua intorno alla punta, asciugando tutto quel liquido che la inondava. Poi aprì la bocca e ingoiò a poco a poco tutto il mio pisello. Sentivo la punta che toccava contro la sua gola. Poi lo tirò fuori, lo guardò, mi guardò negli occhi e con un sorriso lo infilò nuovamente in bocca.
"Che bel cazzo che hai, signorino. Dai il tuo succo alla piccola Annette. Mi piace tanto. Forza".
Non ne potevo più. Era la prima volta che qualcuno prendeva in bocca il mio pisello e la sensazione era molto più sconvolgente di tutte quelle mai provate prima, del sogno, della masturbazione, di tutto. Avvertii un intenso e nuovo piacere che mi scuoteva il ventre, un fiume sotterraneo che risaliva in superficie, che attraversava inarrestabile tutte le caverne del mio stomaco e quando si avvicinò all’uscita del mio pisello, come per eruttare, le mie ginocchia si piegarono e cominciai e riempire la bocca di Annette di schizzi di sperma che esplodevano come dei colpi di pistola, e sembrava non dovessero finire mai. Vedevo la gola di Annette contrarsi nello sforzo di ingoiare tutta quella quantità di liquido che le si riversava dentro, ma che io immaginavo soltanto, dato che Annette teneva la bocca ben chiusa, stando attenta a non far uscire fuori nemmeno una goccia di sperma.
Le contrazioni della punta del mio pisello si facevano sempre più rade ed io mi sentivo scaricato sempre più. Mi appoggiavo al muro del bagno per non cadere.
Sentivo la lingua di Annette che girava intorno alla mia punta e mi solleticava procurandomi un piacere estremo. Quando lei si rese conto che non usciva più sperma, lasciò uscire dalla bocca il pisello con un "plop" da tappo di champagne, che ci fece ridere entrambi. Poi, inaspettatamente, Annette si sollevò, mi baciò sulla bocca, che io tenevo chiusa, forzò leggermente le mie labbra con la lingua e quando io capii finalmente che dovevo aprirle, mi riempì la bocca con un liquido dolce–salato, che sapeva un po’ di candeggina e che io riconobbi essere il mio sperma.
"Ne ho ingoiato tanto, ma ne ho conservato un po’ per te, signorino. Ti piace?". Io risposi di si, che mi piaceva tanto. E continuammo a baciarci affannosamente, con le lingue che si incontravano, combattevano si succhiavano: avevo finalmente imparato come ci si bacia.
Aveva ragione la mamma che le prime esperienze si fanno in famiglia!
Dopo i baci era evidente che Annette non era appagata. In realtà neanche io, dato che il mio pisello era ancora gonfio e non accennava ad abbassarsi. Allora lei si voltò di schiena e prendendo in mano il mio cazzo lo appoggiò, tra le sue gambe, in una sua parte calda che immaginai fosse la sua fica: non ne avevo mai vista una così da vicino, ad eccezione del momento un cui, sulla scala, Annette me ne aveva dato una visione di insieme. E non ne avevo neanche mai toccata una!
Sentivo un calore estremo che mi circondava il pisello che a poco a poco scompariva tra le sue cosce e una sensazione dolce mi avvolgeva sempre più. Annette, appoggiata al lavandino, cominciava ad ansimare e a muoversi come in una danza del ventre, facendo roteare il bacino intorno al mio cazzo.
Poi disse: "Dai, René, ora comincia a spingere, vai un poco indietro e poi spingi forte verso di me". Con una mano era appoggiata al lavandino e con l’altra si accarezzava in un punto che io non riuscivo a vedere. Io tenevo le mani sulle sue anche e, imparati i movimenti come lei mi aveva suggerito, la tiravo a me con forza. Annette ansimava, mugolava, come se le stessero facendo male. Io mi preoccupai di chiederle se stessi facendo qualcosa che non andava e perché tenesse una mano tra le sue gambe.
Lei mi rispose: "Tesoro, sei fantastico, mi stai facendo bene da impazzire. Ti prego, continua così e non fermarti. Ora toccami tu il clito, come stavo facendo io". Mi prese la mano e la avvicinò alle sue cosce. "Ora accarezzami qui, lentamente, senti sotto le tue dita questa piccola sporgenza ? Accarezzala delicatamente, strofinala con il dito, così, proprio così, bravissimo."
Sentivo sotto le mie dita qualcosa di caldo, morbido e bagnato ed ero felice del piacere che con il mio strofinare riuscivo a dare ad Annette. Era proprio fantastico!

Il calore che mi attraversava da quando avevo infilato il mio pisello nella fica di Annette aumentava sempre di più. I miei movimenti si facevano più frenetici ed allora Annette mi fermò.
"Renè, ora rallenta, non fare come i cani che quando entrano dentro cominciano a muoversi e non la smettono più. Rallenta, esci piano da me e poi rimettilo dentro e spingi, ora piano, ora spingi più forte. Ora lascia fare a me".
Io cercavo di seguire con precisione tutti i suoi consigli e mi accorgevo che il piacere che mi davano i movimenti suggeriti da lei era superiore a quello che provavo movendomi scompostamente. Poi Annette decise di guidare lei il gioco: mi fermò e cominciò lei ad andare avanti e dietro fino ad urtare il suo culo con il mio bacino. Nel bagno si propagava lo "shack–shack" dell’urto della sua carne contro la mia ed io pensai che era davvero divertente, ed estremamente eccitante il gioco inventato da Annette. Dopo un po’ lei si fermò ed io, ormai esperto, compresi che toccava a me muovermi. Inarcavo la schiena e spingevo contro di lei, prima lentamente, poi sempre più forte. Ad un tratto Annette mugolò più forte e mi disse: "Dai Renè, su padroncino, ora fottimi forte, sto per godere, facciamolo insieme, è stupendo! Dai sborami nella fica, fammi sentire il tuo liquido caldo dentro di me. Riempimi." Io accelerai il ritmo e in quell’istante avvertii una sensazione simile a quella provata mentre Annette mi teneva in bocca il pisello: una eruzione inarrestabile dal profondo del mio corpo che cominciava a farsi strada verso l’esterno. Senza che io lo avessi provocato o voluto, improvvisamente esplose un piacere dolcissimo che io sentivo localizzato sulla punta del mio pisello. Stavo eiaculando, stavo "sborando" come aveva chiesto Annette, nella sua fica. Una tempesta mi attraversava i sensi, la testa mi girava, le orecchie mi fischiavano. Mi accasciai sulla schiena di Annette, che era ancora chinata verso il lavandino e l’abbracciai, toccandole le tette, mentre le tenevo ancora dentro il mio arnese. Mi divertivo a passare la mano sui suoi capezzoli, che avevano la forma di un mio dito mignolo, anche se più corti, e lei continuava a mugolare.
"Succhiameli, padroncino, fallo come lo facevi alla tua mamma". Quindi sollevò la schiena, si voltò e prendendo in mano le tette, me le porse. Io ero affascinato da quello spettacolo: certo non potevo ricordare quando lo facevo da bambino, ma istintivamente mi avventai su quel seno e cominciai a succhiare prima un capezzolo, poi l’altro, come se da quelli dovesse sgorgare tanto latte. Annette era come impazzita. Mente le succhiavo i capezzoli lei si passò una mano tra le cosce, sulle quali stava colando lo sperma che le avevo appena schizzato nella fica e lo raccolse, portandoselo alla bocca. "Sai, padroncino, mi piace da morire il sapore della tua "sbora" (lo diceva con la "erre" dolce), ne berrei a litri". Mentre parlava, si leccava le mani piene di sperma, poi le riportava tra le cosce e ne raccoglieva altro, poi si leccava avidamente le dita che ne erano piene. "Che bello ! Hai le pallette piene di "sbora", tutta per me. Dammela sempre, padroncino, mi piace".
Io ero al settimo cielo, con la mia bocca sulle le tette di Annette, che mi diceva: "Così, padroncino mio, sei fantastico, continua a baciarmi. Ora scendi giù baciami dappertutto". Io non vedevo l’ora di esaudire i suoi desideri, anche perché avevo capito che la sua fantasia poteva darmi solo grandissimi piaceri, come quelli che mi aveva già fatto provare. E quindi abbandonai il suo seno e cominciai a baciarla sul collo. "Più giù, ti insegno un’altra maniera per dare piacere ad una donna" . Io, pronto ad ubbidire, iniziai a baciarle il ventre. Ero attratto dalla peluria che nascondeva la sua intimità. Annette si accorse della direzione del mio sguardo e mi disse: "Hai capito, vero? E’ proprio lì che devi baciarmi ora".
Detto questo sollevò una gamba e la appoggiò al lavandino aprendo alla mia vista le sue bellissime cosce incesto sborra e mostrandomi, finalmente da vicino e a tutto schermo, la sua fica, che mi apparve come una strana creatura pulsante, rosa e completamente bagnata. Avvicinai la mia faccia e iniziai a baciarla. Annette mi guidò ancora una volta. "Devi farlo con la lingua, leccami tutta".
Non me lo feci ripetere. Cominciai a passare la lingua su tutta quella complicata costruzione di carne, che emanava tanti profumi, tra i quali ne distinguevo uno: quello del mio sperma ed un altro che compresi che apparteneva a lei e che mi piacque molto. Anche il sapore mi piacque e continuai a leccare e a succhiare. "Ti ricordi quel punto che mi hai toccato prima, mentre mi tenevi dentro il tuo cazzo? Ora leccalo, passaci la lingua su e giù, così, così, proprio così, mmmmm, mi stai facendo impazzire. René, sei stupendo, come impari presto! Ora succhialo, forte, sì, così, cosììììììì, ahhhhhhh, arghhhhhhhh!!!
Annette tremava tutta, il suo corpo era tutto scosso da brividi, dimenava il bacino come un’ossessa ed io seguivo con la lingua i suoi movimenti. Mentre la leccavo la sua fica continuava a grondare umori, che io ingoiavo sia perché non sapevo bene che cosa fare, sia perché il loro profumo mi piaceva molto. Con un ultimo sussulto Annette urlò: "Godo, godo, sto godendo come una pazza, René, ti amo, tu mi fai impazzire, godoooooooooo!"
Così dicendo mi prese la testa, la spinse tra le sue gambe e me la tenne ferma per un lungo attimo durante il quale il tremito che la percorreva si attenuava a poco a poco.
"Padroncino, sei stupendo, non ricordo di aver mai goduto tanto e tante volte insieme. Grazie". Annette mise giù la gamba e mi abbracciò stretto. Poi mi dette un bacio lento, dolcissimo, con la sua lingua che giocava intorno alla mia, ancora piena di umori usciti dalla sua fica.
"E’ stato bellissimo" mi disse. Io allora di rimando le chiesi: "Annette, potremo farlo ancora?"
"Tutte le volte che vorrai, padroncino mio. Non avrai che da dirmelo ed io sarò sempre pronta a godere per te e a far godere te!" mi rispose Annette.

In tutto quel trambusto, del quale a mala pena riuscivo a rendermi conto, non avevamo considerato che le grida di Annette avevano attirato l’attenzione dei miei parenti. Improvvisamente sentimmo bussare alla porta del bagno. E subito dopo udimmo la voce preoccupata della nonna: "Annette, è accaduto qualcosa? Come mai hai gridato ? Va tutto bene?"
"Si signora" rispose Annette, mettendosi una mano vicino alla bocca, un po’ per non ridere e un po’ per vergogna, come se fosse stata scoperta. "Va tutto bene, signora, stavo facendo la doccia e siccome sono felice stavo cantando!"
"Meno male" replicò la nonna "ero preoccupata che fossi scivolata e ti fossi fatta male. Meglio così, allora!".
Tirammo entrambi un sospiro di sollievo e, guardandoci negli occhi, scoppiammo a ridere. Eravamo praticamente istupiditi dal godimento. Annette aprì il rubinetto della doccia e quando l’acqua raggiunse la temperatura giusta si infilò dentro la cabina e mi tese la mano: "Laviamoci insieme, ora". Io entrai con lei nella cabina e lei cominciò ad insaponarmi, prima la schiena, poi il sedere, poi le gambe. Mentre risaliva con la spugna verso il sedere, con il dito mi solleticò il buchino. "Ti piace questo?" Mi domandò.
Un’altra sensazione sconosciuta: era la giornata delle sorprese e delle novità!
"Sì mi piace, mi piace tutto quello che mi fai" risposi. "mi è piaciuto tutto quello che mi hai insegnato. Ma ci sono ancora molte cose che puoi insegnarmi?"
"Eccome!" rispose "non immagini quante cose si possono fare! Ti va di impararne altre?"
"E me lo chiedi!" replicai "Se soltanto mi fanno impazzire come quelle che mi hai insegnato oggi, non devi nemmeno domandarlo !"
"D’accordo" disse Annette con aria solenne "da oggi in poi sarò la tua insegnante! Ma ora lavami tu".
Io, diligentemente, come un bravo scolaro, facevo tutto ciò che Annette mi diceva: imitando i suoi movimenti, le lavai la schiena e, proprio come aveva fatto lei, giunto vicino al suo sedere, cominciai a giocare con il suo buchino.
"Mmmmmmm, bello ! Mi piace." Annette ricominciava a mugolare.
Io compresi che anche quella manovra le piaceva e insistetti a giocare con il suo buco posteriore. La mia mano insaponata andava su e giù tra i suoi glutei e il mio dito medio solleticava da vicino il suo buchino. Mi ero versato in mano una piccola quantità di bagnoschiuma per poterla lavare e la mano, quindi era divenuta molto scivolosa. Mentre giocavo con il suo buchino il dito iniziò ad entrarvi dentro, ben lubrificato com’era dal sapone. Un brivido scosse ancora Annette: "Padroncino, tu impari senza che io abbia necessità di insegnarti nulla! Chi ti ha detto che mi piace anche lì?"
"Perchè?" domandai "si può mettere qualcosa anche lì?"
"Certamente" rispose Annette "ed anche lì fa impazzire, proprio come metterlo davanti!"
Non volevo sentire altro. Il mio dito piano piano entrò tutto nel culo di Annette, che per favorire questa manovra si era piegata in avanti. Le pareti del canale si erano strette attorno al mio dito come se volessero fasciarlo e lì dentro era tutto caldo.
"Mmmmmmm, padroncino, mi fai proprio impazzire" mugolò Annette, con il mio dito completamente infilato dentro il suo culo, "ma ora penso che dovremo uscire dal bagno, altrimenti ci sarà tutta la famiglia fuori a chiedersi che fine abbiamo fatto e perché ci sei anche tu qui con me".
A malincuore, estrassi il mio dito da quel rifugio caldo e stretto ed insieme terminammo la doccia. Si fa per dire, perché continuammo a baciarci appassionatamente.
Ci rivestimmo entrambi e Annette, per prima uscì dal bagno, guardandosi prima intorno per verificare che nessuno passasse da quelle parti. Poi mi fece segno di seguirlo e anch’io uscii nel corridoio e mi infilai nella mia stanza.

Mi distesi sul letto e con le mani dietro la nuca cominciai a ripensare a quel pomeriggio travolgente, a tutte le cose che avevo appreso e che ignoravo assolutamente. Ricordai allora le parole della mamma, quando le avevo chiesto come si poteva fare a riprovare le sensazioni che avevo avvertito la notte in cui avevo sognato di abbracciare mia sorella nuda. lei mi aveva risposto che ci sono dei modi per provocare questi piaceri, ma che era ancora presto per discuterne.
Mentre ero assorto in questi pensieri, vidi la porta della mia stanza che si apriva piano. Pensai che fosse ancora Annette, ma vidi che faceva capolino alla porta il caschetto biondo di Virginie, mia sorella maggiore, che resasi conto che ero nella stanza, entrò sorridendo.
"Ciao, hai un’aria estasiata, come se fossi seduto su una nuvola. Ma penso di aver capito il perché".
Io da principio arrossii, ma poi, realizzando che non avevo nulla da nascondere, perché alle mia sorelle avevo sempre confidato tutto, cominciai a dire: "Virginie, se sapessi, una cosa da sballo!" "Lo so, lo so" rispose Virginie "ho visto uscire dal bagno prima Annette e poi te e ho capito che ve la stavate spassando lì dentro".
"E’ vero" risposi "e stato bellissimo, un piacere mai provato prima. Sai Vir, Annette mi ha insegnato un sacco di cose!".
"Immagino" ammiccò mia sorella "lei ne sa una più del diavolo, specialmente in quella materia! E poi se non vi avessi visto uscire dal bagno me ne sarei accorta dalla espressione beata che hai stampata sul viso. E bravo il nostro René, stai crescendo. Sono contenta, fra un po’ ti scoperai tutte le ragazze del vicinato!" e mentre diceva questo mi venne ancora più vicino e mi depose un bacio sulla bocca.
"Penso che diventerò un tantino gelosa del mio fratellino…."

Fine Capitolo 1

Entra adesso nel nostro database porno dedicato agli incesti con store vere, confessioni d'incesti, dvd sesso video/film, immagini e tante foto hard inedite. – VAI!

continua …
Capitolo 2: Le vacanze di René - Parte II
Capitolo 3: Le vacanze di René - Parte III

Racconti Erotici Incesto - Vaste Gallerie di Foto/Video Hard, Film Porno e dvd sesso : clicca qui per entrare!
 


Categorie di siti porno correlate:
Sesso Mania Transex Porno sexi xxx Manga porno Troie asiatiche Hentai xxx Sesso nero Racconti erotici incesto Donne mature Racconti porno Donne troie Casalinghe puttane Incesto racconti Pompini in dvd Puttane Test erotici Zoccole Fighe depilate Scopate Sesso orale pompini Figa lezionisesso Leccare la figa il cunnilingus Sesso gif Racconti di sesso Fumetti porno Eros racconti Mogli nude Donne porche Donne mature pornoracconti Confessioni erotiche Fregna Belle donne sexy DVD belle donne Foto sexy Tettedure nude dvd sesso incesto confessioni Pornostorie foto celebrità Donne nude Confessioni puttane vip Tette famose Tettone Cazzi enormi Cazzo grosso Donne grasse Incontri sesso Ragazze nude Pompini famosi Piedi femminili Feticismo dvd sesso orale Gangbang Inculate Donne russe Incontri ragazze Sperma ingoio Video porno incesto Pornoitalia Fighe sborrate Fighe calde Figa rasata Racconti sesso gay Chiavate anali Cazzoni

Attenzione: Questa è una sez.ne porno vietata ai minori di 18 anni in quanto contiene testi e scene di sesso esplicito riservate ad un pubblico adulto. Se hai un'età inferiore a 18 anni o ritieni che il materiale contenuto nella sez.ne Racconti Erorici Incesto in dvd sesso possa turbarti e offendere la tua persona ESCI ADESSO da questa sezione porno. ENTRANDO, invece, dichiari di essere maggiorenne e di accettare il materiale porno in essa contenuto, esonerando gli autori di queste pagine da ogni responsabilità. Inoltre, per chi ne fa uso, si prega di leggere ATTENTAMENTE la nota informativa sul costo del servizio. - BUON DIVERTIMENTO!