Racconti porno



racconti porno incesto familiare storie di sesso e incesti familiari in dvd

incesto sorella

storie di sesso e di incesti: guarda i video porno gratuiti

Racconti porno incesto familiare con scene di sesso in dvd

Capitolo 2: Le vacanze di René - Parte II

La mia evoluzione sessuale procedeva stupendamente, con la collaborazione, anzi sotto la guida di Annette, che utilizzava ogni occasione per accrescere le mie "conoscenze" in quella materia. Era una maestra infaticabile, preparata e molto, molto paziente. E se la godeva da pazzi.

Io continuavo comunque a spiare "le mie donne", come ero solito chiamare tutti i componenti di sesso femminile della mia famiglia (mia madre Mireille, mia nonna Sophie, le mie sorelle Virginie e Jacqueline, le mie zie Jeneviève e Juliette e le "tate" Edith e Annette, la mia compagna di "giochi"). Era uno scenario di grande pregio… una più interessante dell’altra.

Ma la svolta, incredibile, totale, si verificò a causa di un evento davvero straordinario, che sconvolse, in maniera definitiva, la vita di tutta la famiglia.
Mia madre annunciò alla famiglia che sarebbe dovuta partire per la presentazione della nuova collezione estiva del suo ateliér. L’agenzia di pubblicità che da sempre curava l’immagine dell’azienda aveva suggerito di realizzare un servizio fotografico in un paradiso della Polinesia.

DVD PORNO CON I MIGLIORI VIDEO DA SCARICARE

Mio padre, allora, lanciò un’idea che sulle prime apparve irrealizzabile, ma che poi si rivelò entusiasmante.
"Che ne pensate" ci chiese un giorno, mentre eravamo tutti a pranzo (ed il pranzo era un rituale al quale dovevano essere tutti presenti) "se accompagnassimo tutti Mireille ? Del resto lei dovrebbe restare lontana da noi per molto tempo e questo penso che dispiacerà a tutti. Poi saperla così lontana, dall’altra parte del mondo, è una cosa che mi crea grande angoscia. Una soluzione potrebbe essere quella di andare con lei, ma poi mi creerebbe angoscia il restare tanto tempo lontano da voi. Su, coraggio, facciamo un bel consiglio di famiglia e mettiamo ai voti la proposta".

La nonna Sophie, con il suo solito senso pratico, eccepì che i costi, non solo del trasferimento, ma anche del soggiorno di tutta la famiglia, così lontano e per tanto tempo, non sarebbero stati poi tanto esigui.

Mio padre rispose che aveva previsto anche questo, sia per motivi di risparmio, anche se le condizioni finanziarie della famiglia certamente consentivano largamente qualsiasi esborso per una vacanza, anche lunga ed anche in capo al mondo, sia perché era da tanto che avrebbe voluto visitare la Polinesia e quindi sorella incesto avrebbe provveduto a noleggiare una barca, grande e confortevole, in modo da poter comodamente ospitare tutti noi (che bene o male formiamo una squadra di calcio: undici persone). Dopo alcuni attimi di silenzio, parve che la proposta, dapprima accolta con perplessità, avesse riscosso il gradimento di tutti. Se ne discusse ancora, ma mio padre aveva una risposta pronta per ogni obiezione mossa da parte degli altri. Alla fine tutti accondiscesero; persino mio nonno, che amava la vita comoda, espresse parere positivo, a condizione che gli lasciassero portare con sé la sua pipa, i suoi libri e, naturalmente, la nonna Sophie.

Avevamo circa due mesi di tempo per prepararci a questa vacanza, che sarebbe durata all’incirca un mese, coincidente con le vacanze scolastiche. Soltanto la zia Juliette era perplessa, perché non aveva mai lasciato soli i suoi pazienti per tanto tempo. Ma chiese ad un suo amico e collega, il quale accettò di buon grado, di sostituirla durante la sua assenza.

Grazie alla puntigliosa organizzazione di mio padre, tutto fu pronto, minuziosamente pianificato e, finalmente, giunse il giorno della partenza.
Un viaggio nei mari del sud ! Ragazzi, una cosa da sballo.
Ero emozionantissimo. In realtà una strana eccitazione serpeggiava in casa: piuttosto che una villa, sembrava un formicaio, nel quale le operaie andavano e venivano incessantemente. Nessuno mi dava retta, neanche la piccola Annette, la quale era indaffarata come le altre a chiudere valigie e borsoni e ad ammonticchiarli nel portico. La mole del bagaglio era davvero notevole, sebbene mio padre avesse più volte raccomandato di non portare molta roba, dato che in una barca lo spazio è notoriamente limitato.

Racconti porno incesto familiare. Confessioni incestuose: scene di sesso. VAI!

Un furgone noleggiato per l’occasione ci portò all’aeroporto, dove ci ricongiungemmo con tutta la squadra della casa di moda, con le indossatrici, con i fotografi e i cineoperatori dell’agenzia pubblicitaria. Praticamente avevamo l’aereo tutto per noi. Dopo circa sedici ore di volo e due scali tecnici, finalmente apparve sotto l’ala dell’aereo la sagoma di un’isola verdissima, circondata da una mare blu che in prossimità della spiaggia assumeva un colore verde smeraldo chiarissimo. Wow, finalmente eravamo a Papeete.
Solita virata dell’aereo per imbroccare la pista ed eccoci in Polinesia. Non mi sembrava vero, solo ieri ero a Parigi!

Il gruppo di famiglia, riunito come una comitiva guidata da un tour operator, scese compatto la scaletta dell’aereo. Ci immergemmo nell’aria umida e ricca di profumi e giunti a terra venimmo accolti da un comitato di polinesiane e polinesiani che ci posero al collo le consuete ghirlande di fiori profumati. Notai che mentre gli uomini erano molto robusti, le donne erano bene in carne, con poco seno, ma con dei fianchi sexi generosissimi. Comunque tutti simpatici, sorridenti ed accoglienti.

Un autobus della compagnia aerea accompagnò il gruppo dell’atélier in albergo e condusse noi di famiglia al porto, dove era già pronta ed attrezzata la barca noleggiata da mio padre. Al porto ebbi la mia prima positiva sorpresa: la "barca", come continuavo a chiamarla, era piuttosto un panfilo enorme e modernissimo. Io fui il primo a salirvi su.

Dopo aver caricato i bagagli e destinate le cabine a tutti i passeggeri (feci in modo che la mia cabina fosse vicina a quella di Annette, anche se era inevitabile che la condividesse con Edith), cominciammo ad ispezionare l’imbarcazione.
Mio padre, esperto marinaio (era stato ufficiale di marina), ed ovviamente capitano della nave, mi fece notare che la barca era dotata di tutti i più moderni sistemi di guida. Motori turbodiesel, sistemi automatici di rilevazione GPS, Loren, radar, insomma non ci si poteva perdere. Sugli schermi della plancia apparivano i profili delle coste con le profondità del fondo. Io venni nominato secondo ufficiale, addetto alla rotta.

Mia madre, infaticabile come sempre, andò subito a raggiungere la squadra dell’atélier per cominciare ad organizzare il servizio pubblicitario e il resto della famiglia cominciò a prendere dimestichezza con la barca e poi con i luoghi che ci ospitavano.

Trascorremmo una settimana a Papeete, durante la quale ebbi modo di apprezzare il carattere ospitale dei polinesiani, ma soprattutto culo incesto in DVD la disponibilità di Annette, la quale ogni notte aspettava che Edith, sua compagna di cabina, si addormentasse per scivolare nella mia cabina e trascorrervi la notte, naturalmente deliziandomi con le sue variazioni sul tema sesso. La sua passione più grande, lei lo ammetteva, era soprattutto una: prendere in bocca il mio pisello. Persino quando non era in erezione ed aveva, a riposo, dimensioni meno che normali. Lei tirava giù la pelle del glande, poi lo risucchiava tutta la sborra nella sua bocca e ci giocava con la lingua, sino a quando non cominciava a crescere nella sua bocca. Quando diveniva duro, lei cominciava a farlo entrare ed uscire ritmicamente. Questo movimento ed i mugolii che Annette emetteva mi mandavano in visibilio. Annette continuava a far entrare ed uscire il mio cazzo dalla sua bocca dicendomi: "Dai padroncino, scopami in bocca, la mia bocca ti fa godere come la mia fica e vuole ingoiare tutta la tua sbora" Quando lo tirava fuori, con la lingua girava intorno alla punta, poi dava dei colpetti di lingua a tutta l’asta e scendeva giù fino alle palle, che prendeva in bocca facendole roteare con la lingua. Ero al settimo cielo. Quando Annette capiva che ero vicino a venire si infilava il cazzo in bocca e non lo estraeva sino a quando l’ultima goccia di sperma non era finita nella sua gola. "Mmmmm, com’è buona la tua sbora René, me vado pazza. Se quella scema di Edith non fosse una suora farei assaggiare un poco anche a lei !"

Questo pensiero mi eccitava da morire, la mia balia, Edith, quella sul cui seno mi addormentavo da bambino, che beveva il mio sperma. Da brividi !
"Annette, ho un’idea" le dissi una notte mentre era con la bocca piena del mio pisello. Lei, senza interrompere quello che stava facendo, alzò gli occhi e li piantò nei miei. "Ti ricordi quello che facesti la prima volta che abbiamo fatto l’amore nel bagno? Dopo averlo preso in bocca ti rialzasti e mi baciasti; mentre mi baciavi versasti nella mia bocca un po’ di sperma che non avevi ingoiato e che dicesti di aver conservato per me, ricordi ?"
"Certo che ricordo" rispose Annette con un brivido "ricordo che ero eccitata da morire e che fu bellissimo tutto, e che tu fosti bravissimo e mi facesti impazzire".
"Fallo ancora" dissi io "fallo per Edith".
"Io lo faccio, padroncino, ma se si incazza ?" eccepì giustamente Annette.
"Non lo so" replicai io "se si arrabbia improvviseremo. Però ad una condizione: se si incazza devi dire che l’iniziativa è stata mia, quindi dovrà prendersela con me. E poiché tu sai che mi vuole bene e mi coccola, con me non se la prenderà."
"Dai René, facciamo così. Io poi sono una pazza e queste cose mi intrigano da morire !" Annette concluse così il suo discorso.

Racconti porno : scene di sesso e d'incesto. Entra ora! - VAI!

Evidentemente questa idea la eccitò tanto che riprese a succhiarmi il pisello con una foga ed una maestria che non avevo mai percepito prima. Ben presto, sotto i colpi frenetici della sua lingua non ce la feci più a trattenermi, anche se lei mi aveva insegnato anche a resistere il più possibile, per prolungare il piacere. Ondate incandescenti salivano dal mio ventre ed un fiotto di sperma si riversò nella sua bocca, seguito da un altro, poi da un altro e da un altro ancora. Annette scuoteva la testa e gemeva come se stesse soffrendo. Quando il mio pisello smise di pulsare e di versare sborra nella sua bocca, Annette si alzò, tenendo la bocca chiusa ed annuendo senza parlare uscì di corsa dalla mia cabina.

Io compresi immediatamente che stava attuando il mio suggerimento e la seguii. Lei aprì la porta della cabina contigua, nella quale era accesa una debole luce e si avvicinò alla cuccetta nella quale dormiva Edith, che indossava una leggera camicia da notte. Accostò le labbra e quelle di Edith e vi depose un bacio leggero. Poi mi guardò. Compresi subito che Annette aveva ragione: se avesse lasciato cadere lo sperma nella bocca di Edith questa si sarebbe spaventata o il liquido avrebbe potuto andarle di traverso. Infatti, la soluzione di Annette fu vincente. Edith scosse leggermente la testa e dischiuse piano le labbra, come per farsi baciare ancora. Annette allora si avvicinò nuovamente e questa volta il suo bacio fu più deciso. Edith, ormai nel dormiveglia, si accorse di essere stata baciata e forse perché non aveva capito che era stata un’altra donna o forse perché lo aveva comunque gradito, ricambiò il bacio. In quel momento Annette aprì la sua bocca, introdusse con un guizzo la sua lingua nella bocca di Edith e nello stesso tempo vi lasciò cadere tutta la "sbora", come la chiamava lei, che mi aveva succhiato un minuto prima.

Edith, completamente sveglia, DVD donne mature esperte di scatto si alzò a sedere nella cuccetta (e mentre lo faceva io notai il suo seno mastodontico appena nascosto dalla camicia da notte, che si spandeva sul lenzuolo), sgranò gli occhi, evidentemente comprese la natura di quel liquido che le riempiva la bocca, che doveva per forza provenire da altra sorgente diversa dalla bocca di Annette e le rivolse, con la bocca chiusa una muta interrogazione.
"Bevi, tesoro mio" le disse allora Annette accarezzandole i capelli "è un regalo per te da parte del signorino Renè e da parte mia che te l’ho portato".
Sul volto di Edith comparve un’espressione mista di dolcezza e sorpresa, ma anche di rimprovero e di imbarazzo. Era stato davvero un risveglio travolgente per lei. Comunque parve che la cosa non le dispiacesse, perché l’imbarazzo si trasformò in un sorriso intrigante. Aveva compreso tutto. Guardò Annette, aprì leggermente la bocca, si passò la lingua sulle labbra e poi… ingoiò tutto, finalmente con una espressione di piacere estatico sul viso. Poi si guardò intorno e, attonita, realizzò che nella cabina, oltre ad Annette, c’ero anch’io.
A quel punto si coprì il viso con le mani, sommersa dalla vergogna. Io mi precipitai accanto a lei e mi inginocchiai vicino al suo letto.
"Edith, non avere paura, non vergognarti di nulla, sono io, il tuo René". Mentre pronunciavo queste parole le accarezzavo i capelli. Ma lei continuava a tenere le mani sul viso.
"Edith, ti ho mandato io quel regalo, pensavo che lo avresti apprezzato. Ma dimmi non ti è piaciuto, ti ha fatto schifo ? Perché fai così ?"

Edith continuava a non rispondere. Io a quel punto pensai di averla fatta davvero grossa con quella idea di farle mettere in bocca da Annette il mio sperma, ma forse confortato dal fatto che Edith non dava in escandescenze, continuavo ad accarezzarla. Mi accorsi allora che attraverso la scollatura generosa della sua liseuse si vedeva tutta la curva del suo seno esagerato. Edith aveva pressappoco l’età di mia madre, era molto più abbondante di lei dappertutto ed ispirava un notevole senso materno (soprattutto con quelle sue tettone enormi).

Continuando ad accarezzarle i capelli ed il viso, anche se lei ci teneva le mani, appoggiai la mia testa al suo seno, proprio come facevo da piccolo, però questa volta direttamente sull’epidermide, dato che la scollatura ne lasciava scoperta una generosa porzione, che cominciai a baciare avidamente.

Edith continuava a rimanere immobile, seduta sul letto come prima, però mi accorsi che il suo respiro si faceva più pesante. Allora io mentre con una mano continuavo ad accarezzarle i capelli, infilai l’altra nella scollatura e cominciai ad accarezzarle il seno. Edith si lasciò sfuggire un lungo gemito di piacere. dito nella figa Io stavo provando una sensazione mai vissuta: le tette di Edith erano uno spettacolo della natura: le avevo completamente tirate fuori dalla scollatura e ci stavo giocando con le mani, ora con entrambe, perché avevo smesso di accarezzarle la testa. Ogni areola era grande quanto una mia mano e i capezzoli anche se non prominenti come quelli di Annette, erano turgidi. Ma ciò che mi faceva letteralmente impazzire erano le tette, enormi, burrose e calde. Ci passavo la lingua, le succhiavo i capezzoli, mente Edith, ormai senza freni, emetteva gemiti di piacere, mi prendeva la testa e me la spingeva sul suo seno.
"Sì signorino, quanto mi piace, continua così… non capisco più nulla, sto impazzendo."

Non aspettavo altro: mi impegnai allo spasimo, le prendevo i capezzoli e glieli giravo come per torturarli, come mi aveva insegnato Annette. Ad un certo punto non ne potetti più: sollevai il lenzuolo, feci scendere Edith dalla cuccetta e le sfilai la camicia da notte. Uno spettacolo unico. Nuda, Edith era rotonda, cremosa e profumata di borotalco. Era in piedi: le presi in mano le tette e ricominciai a baciarle freneticamente. Edith mugolava ed il suo corpo era attraversato da brividi.

Io girai la testa per guardare dove fosse finita Annette e vidi che lei era molto interessata alla mia attività su Edith, tanto che le venne una idea.
"Dai Edith, ora distenditi, che ci pensiamo noi a toglierti l’arretrato di sesso che ti porti dietro" disse Annette.
Dapprima non compresi bene cosa avesse voluto dire, ma poi, conoscendo la sua abilità, non attesi molto per verificarla.
Annette fece distendere Edith sul letto e le aprì le gambe. Mentre io continuavo a baciare a leccare e a succhiare le tette di Edith, Annette iniziò a baciare le sua cosce, poi, risalì senza tanti indugi verso la sua fica.
"Guarda guarda, René è tutta bagnata la nostra Edith, come se la gode. Abbiamo avuto proprio ragione a farle questo regalo, ma ora gliene facciamo un altro: ora la facciamo godere noi".
Quindi le piantò la lingua sulla fica e cominciò a passarla su e giù tra le sue cosce con la stessa foga che metteva nel leccare il mio pisello. Io la guardavo, Annette usava la lingua come fosse un cazzo, la faceva entrare ed uscire dalla fica di Edith, poi le succhiò il clitoride.

A quel tocco Edith fece un balzo sul letto, chiuse gli occhi ed emise un lunghissimo sospiro, come se si fosse liberata di un grande peso. E così probabilmente era: chissà da quanto tempo non faceva sesso. Ebbe un orgasmo intensissimo e devastante, che la fece tremare tutta.
Mentre io continuavo a darmi da fare con il suo seno, la piccola Annette proseguiva con il suo lavoro di lingua nella sua fica, le succhiava il clitoride, provocando dei rumori curiosi, ma molto eccitanti.
Edith non era più in grado di connettere: il suo bacino si alzava e abbassava ad un ritmo frenetico, e mentre io le succhiavo i capezzoli lei prendeva le tette nelle sue mani e le strizzava forte.
"Ora padroncino è pronta ad accoglierti, entra nella sua fica, rompila, falla godere forte!" Annette mi incitava a scopare Edith.

racconti porno incesto: le confessioni incestuose su sextv 24h

Edith non era più in grado di parlare. Io mi distesi su di lei, che teneva le cosce grassottelle tutte dischiuse, le puntai contro la sua fessura il mio pisello che per l’eccitazione era diventato duro come il ferro e cominciai a spingere. Mentre entravo dentro di lei mi chiedevo se fosse ancora vergine, alla sua età, o avesse già provato a far l’amore con qualcuno. Non avevo intenzione di chiedere alcuna conferma, però. Ero così eccitato che non pensavo ad altro che alla fica di Edith nella quale volevo entrare ad ogni costo. La sua fessura bollente, abbondantemente bagnata dopo l’intervento di Annette, avvolse il mio pisello come se lo stesse aspettando da anni, in un abbraccio caldissimo. Cominciai a muovermi come mi aveva insegnato Annette. Era stupendo andare avanti e indietro in quella fica, piena di umori caldi. Vedevo il mio cazzo scomparire dentro la fica di Edith, poi lo tiravo indietro e lo spingevo ancora più a fondo. Edith impazziva dal piacere e inondava la sua fica con una emissione di umori tanto abbondante da bagnare tutte le lenzuola.

Mentre scopavo con Edith guardavo Annette che si divideva tra le sue tette e la mia bocca, che baciava appassionatamente. Ci metteva lo stesso impegno a succhiare i capezzoli di Edith e la mia lingua, alternativamente.
"Su, dai René, scopa questa vecchia arrapata. Falla godere come una pazza. Fammi vedere come metti in pratica le cose che ti ho insegnato". Annette mi incitava e contemporaneamente mi eccitava con le sue parole.
Ma l’effetto più sconvolgente lo provocava in Edith, che realmente non capiva più nulla. Aveva sollevato le gambe e le aveva attorcigliate attorno al mio bacino, come se non volesse più lasciarmi uscire fuori da lei. Mi tenne abbrancato con le braccia e con le gambe, fino a quando un altro orgasmo, questa volta più imponente degli altri, la sommerse. Emise un grido rauco: "Ohhhh, godo, sto godendo, mi fate morire, non ne posso più, ahhhhhh! "
Il calore emanato dal corpo e dalla fica di Edith, che mi avvolgevano totalmente e la straordinaria eccitazione che aleggiava in quella piccola cabina mi portarono ad avere un altro orgasmo intensissimo. Mentre ascoltavo le parole di Edith ad un tratto mi accorsi che stavo per arrivare e le dissi: "Edith tesoro, sto per arrivare, sto per riempirti la fica con la mia sbora."
"Su bambino mio", mi incitava lei "riempimi la fica, non fermarti, sto godendo anch’io, ahhhhhh, godo!!!" Un ultimo tremito la scosse tutta e poi si abbandonò totalmente nelle nostre braccia. A turno, io e Annette la baciavamo in bocca e lei ricambiava avidamente, le nostre lingue si incontravano e giocavano in tre. Nonostante i ripetuti orgasmi l’eccitazione non accennava a diminuire e la tensione erotica ci aveva coinvolti totalmente. La meno soddisfatta era Annette, la quale, mentre si divertiva con la lingua sulla fica di Edith si toccava la fica e il clitoride, ma evidentemente aveva bisogno di altro.

Quando Edith si abbandonò tra le nostre braccia e le nostre lingue finirono di lottare, Annette si scostò dal suo viso e si avvicinò nuovamente alla sua fica. Con tono scherzoso, si rivolse alla sua compagna:
"La volevi tenere tutta per te la sbora del mio bambino. Ma io stasera non ne ho bevuto nemmeno un sorso. La prima dose l’ho versata nella tua bocca, la seconda l’ha presa tutta la tua fica e ora come si fa ? Su, ora sollevati"

Fece sollevare Edith in ginocchio sul letto, le allargò le gambe e scivolò sotto di lei, con il viso proprio sotto la sua fica, che una volta allargata, lasciò cadere, nella bocca che Annette teneva spalancata sotto di lei, una cascata di umore, costituito dal mio sperma e dal liquido che Edith aveva emesso in grande abbondanza durante i ripetuti orgasmi.

Questa altra scena mi riportò incesto di gruppoad un livello di eccitazione febbrile, il mio cazzo, nonostante due eiaculazioni, dava evidenti segni di risveglio. Annette si era messa di traverso, rispetto al letto, con le gambe penzoloni ed il viso ancora sotto la fica di Edith. Io allora, massaggiandomi con forza il pisello non ancora tutto in erezione, mi avvicinai a lei, le allargai le cosce ed iniziai a penetrarla nella fica.

"Sì, padroncino, questo mi piace, dai, fattelo diventare grosso, più grosso. Altrimenti sarò gelosa di quella porca di Edith, che se l’ò goduto tutto, il tuo bastone che l’ha scopata fin nelle viscere!" Quelle parole ebbero l’effetto di eccitarmi ancora di più, come se ve ne fosse ancora bisogno, vista la situazione incandescente che si era creata in quella piccola cabina. Sentivo ondate di calore che mi attraversavano il ventre e pulsazioni sempre più forti che mi facevano ingrossare sempre più il pisello, sempre immerso nella dolcissima e umida fessura di Annette. Feci subito un paragone tra la sua fica e quella di Edith, che mi sembrava molto più stretta, forse perché Annette era molto più adusa a pratiche sessuali di ogni genere, rispetto a Edith.

DVD porno storie di sesso e d'incesto: entra ora!

La mia erezione era ormai di nuovo completa e Annette se ne accorse immediatamente, dato che ricominciò a guaire e a mugolare di piacere. Quando iniziai a muovermi dentro di lei a ritmo prima lento e profondo poi sempre più svelto, Annette sollevò la bocca e la pose come una ventosa sulla fica di Edith, come per succhiarne le ultime gocce di umori che gocciolavano ancora.

Ma succhiando così forte provocò un’altra ondata di eccitazione in Edith, che, rivolta verso di me, ricominciò a baciarmi ed ad infilarmi la lingua in bocca. Io, intanto, giocavo con le sue tette enormi: le stringevo, la avvicinavo l’una all’altra, le rigiravo i capezzoli, come se stessi sintonizzando la frequenza di una radio. Nel frattempo continuavo a stantuffare Annette, che, poverina, aveva diritto anche lei al suo sano godimento. E lei godeva davvero, a giudicare dal suo ansimare e dai gemiti che emetteva. Questa manovra durò effettivamente tanto a lungo, perché io, essendo già venuto due volte, non avvertivo alcun segno premonitore di un’altra eiaculazione.

incesto orale

Il movimento frenetico di va e vieni del mio pisello nella fica di Annette la portò ad uno stadio di eccitazione parossistica. La sua bocca non si staccava dalla fica di Edith, che, del resto, era eccitata forse più di noi, anche a causa delle manovre strane che Annette stava facendo su di lei. Le tormentava il clitoride con la lingua e lo succhiava tanto avidamente che era diventato grande come un dito. Io ne avevo una visione di insieme, perché mi trovavo di fronte a loro e mi godevo tutte le slinguate di Annette; mentre andavo su e giù nella sua fica, con una mano toccai il clitoride di Edith: era davvero spaventoso, gonfio e umido: mi chiesi come aveva fatto Annette a farlo diventare così, era davvero fantastica. Probabilmente se lo chiedeva anche Edith, che si era rituffata in quel vortice di sensualità che le avevamo creato intorno e se la godeva davvero, a giudicare dalla sua espressione estasiata e dai movimenti del suo bacino che sembrava danzasse insieme alla lingua di Annette che saettava tra le sue cosce e dagli umori che continuavano a cadere dalla sua fica nella bocca di Annette, mentre lei mi baciava con la bocca spalancata e la lingua che cercava incessantemente la mia.

Le nostre manovre si protraevano da oltre un’ora, senza che nessuna delle mie compagne avesse mostrato mai segni di stanchezza o di insofferenza. Al contrario, sembrava che non ne avessero mai abbastanza. Annette aveva finalmente trovato il suo sfogo sessuale, scopata nella fica da me e con la sua lingua infilata nella fica di Edith. Ma anche per lei era giunto il momento di godersi la serata. Iniziò a dimenare il bacino e ad ansimare sempre più forte, sotto i miei colpi incessanti:
"Sto arrivando, padroncino, sto godendo, scopami forte, godo, godooooooo. Ah, sìììììììììì, così, godo, vengo, arghhhhh !!!!"

La frenesia di Annette era irrefrenabile e soprattutto contagiosa. Edith ne fece le spese, perché la stimolazione continua del suo clitoride la portò nuovamente ad un ennesimo orgasmo ed io, che ormai mi stavo trattenendo per non godere troppo presto, per la terza volta, finalmente, mi lasciai andare e riempii di schizzi di sperma la fica di Annette.

Certo non era la stessa quantità che lei, trattenendo in bocca, aveva poi riversato nella bocca di Edith, ma, abbastanza da farla urlare di piacere:
"Riempimi di sbora, sìiiiiiiii, la voglio, la voglio tutta per me la tua sbora, le sento che mi schizza dentro, ahhhhh, che bello !!"
Sentivo le contrazioni del suo canale caldo e bagnato che mi strizzavano il pisello che pulsava mentre le schizzavo dentro il mio seme. Da impazzire. Non ne potevamo più tutti tre. Stramazzammo sul letto senza più forze e ci addormentammo abbracciati, io come sempre, sulle tette di Edith e pieni degli umori l’uno delle altre e viceversa, soddisfatti e soprattutto felici perché con quella prestazione sessuale sfrenata non avevamo fatto altro che rinnovare il profondo e sincero affetto che avevamo sempre reciprocamente provato.

Fine Capitolo 2

Visita il database porno con store vere, confessioni d'incesti, video hd, film xxx e tante foto hard inedite.

Continua …
Capitolo 1: Racconti porno incesto - Parte I
Capitolo 3: DVD mature sexy - Parte III

Racconti porno incesto con foto video hard e filmini porno DvD e hd … Che aspetti?  Clicca Qui per entrare. - VAI!
 


Siti porno relazionati
Porno tettone Foto porno donne mature Porche pelose Donne troie Casalinghe puttane Inculate Ragazze disponibili Sperma ingoio Dvdporno Pornoitalia